smile
 

AMBULATORIO SPECIALISTICO ORTOGNATODONTICO
Dott. Ludovico A. Lunghi

 
line decor
  
line decor
 
 
 
 

 
 
LA DIAGNOSI

 

 

Attraverso l'analisi clinica e radiologica del volto e dell'occlusione si possono classificare le malocclusioni scheletriche in:

I CLASSE: le anomalie della dentatura sono legate all'alterata posizione dei denti, mentre lo scheletro cranio-facciale non presenta disarmonie patologiche.

II CLASSE: le ossa dello scheletro della faccia presentano una disarmonia sul piano sagittale tale da posizionare l'osso mascellare superiore, e quindi l'arcata dentaria superiore, in avanti e l'osso mandibolare, e quindi l'arcata dentaria inferiore, indietro.

2

III CLASSE: le ossa dello scheletro della faccia presentano una disarmonia sul piano sagittale tale da posizionare l'osso mascellare superiore, e quindi l'arcata dentaria superiore, indietro e l'osso mandibolare, e quindi l'arcata dentaria inferiore, in avanti.

3

ANOMALIE TRASVERSALI E VERTICALI: in questi casi la disarmonia delle ossa della faccia riguarda deformità sviluppate sul piano trasversale che comportano asimmetria tra i due lati del volto e deformità sul piano verticale che comportano un'alterazione della lunghezza del viso (in eccesso o in difetto).